Tubi rinforzati

La passione è d'acciaio

Cinelli Gazzetta 2013 Bel Rosso

with 11 comments

Pensata, meditata, anticipata, posticipata, rimandata e poi trovata, prenotata, attesa, arrivata e finalmente montata: la mia prima fissa, un Cinelli Gazzetta 2013 Bel Rosso.

cinelli_gazzetta_bel_rosso

L’allestimento del suo primo montaggio (brakeless):

– Telaio e forcella Cinelli Gazzetta Bel Rosso, in acciaio con tubi Columbus double-butted Cr-Mo, misura 60 cm (piantone) per 57.5 cm (orizzontale);

– Serie sterzo VP Cane Creek;

– Ruote Miche Pistard WR per copertoncino (mozzi Miche Primato Pista a flangia alta);

– Copertoncini Michelin Pro3Race da 23mm grigio/neri;

– Guarnitura Miche Primato Advanced Pista in alluminio con corona da 46 e pedivelle da 175mm (si 175mm, non i classici 165mm);

– Movimento Centrale Campagnolo;

– Pignone Miche Pista da 16 denti;

– Catena Miche Pista

– Curva manubrio Cinelli Pista in alluminio da 42 cm nero opaco.

– Attacco manubrio Cinelli Pista in alluminio da 120 mm nero opaco (angolo di 65°)

– Nastro curva  manubrio Cinelli Cork Ribbon nero.

– Reggisella Ritchey Comp in alluminio nero 27.2 da 400 mm (ma presto arriverà una Miche Supertype)

– Sella SMP Glider nera (la sella che monto su tutte le mie bici).

– Pedali Shimano SPD-520 (in attesa dei pedali Cinelli Kinks Straps Reflective Black o di montare i pedali Campagnolo Chorus che ho giù a Roma).

Cinelli Gazzetta Bel Rosso 2013

Utilizzata oggi per la prima volta andando al lavoro, la prima impressione è interlocutoria, visto che si tratta della prima bici a ruota fissa su cui pedalo (*).

Esteticamente così montata fa la sua figura, l’attacco e la curva da pista hanno il loro fascino, la tanto discussa forcella, rivista quest’anno, non mi sembra poi così male (e se poi mi dovessi stufare, c’è sempre la possibilità di montare un domani una Columbus Tusk in carbonio), il colore poi è davvero bello (in foto non rende) e sono contento di non averlo preso nero (che visto dal vivo da BBIKE mi è sembrato un po’ banale).

Ma in questo assetto durerà poco: è già pronto un freno anteriore Campagnolo con leva sinistra Promax, una ruota anteriore Mavic Ksirium SSC nera, con pista frenante, un attacco manubrio Ritchey WCS 4 Axis da 130 mm e un manubrio Pro Lt Anatomic.

Il tutto per allenarmi su strada: la MiTo2013 incombe e bisogna farsi trovare all’appuntamento milanese padroni del mezzo! Tornerà così dopo a metà Marzo.

cinelli_gazzetta_spec

(*) Sembra assurdo ma pur avendo visto nascere il movimento romano della bici a ruota fissa intorno alla ciclofficina centrale all’angelo mai, sono sempre restato piuttosto tiepido e il mio unico tentativo fu una pedalata per qualche centinaio di metri su uno splendido Colnago Master Pista 62 cm tutto montato Campagnolo Record Pista dalle parti di Villa Ada.

P.S.

Un sentito ringraziamento ai ragazzi di Sardi Cicli (Monza) per reso possibile tutto questo!

Aggiornamento 1 Marzo 2013 – La Gazzetta è pronta per la MiTo2013!

A un mese di distanza dall’esordio, prime modifiche per partecipare alla MiTo2013:

Freno anteriore Campagnolo Chorus, leva freno Promax, ruota anteriore Mavic Ksyrium (presa dalla Cannondale Caad5) al posto della Miche Pistard, attacco Cinelli Vai da 135 mm al posto del Cinelli Pista da 120 mm e la Cinelli Gazzetta è pronta! Ora non resta che pedalare!

Aggiornamento 1 Maggio 2013 – Datemi un’anteriore!

Sempre alla ricerca del set definitivo, in attesa di cambiare la forcella con una Columbus Tusk, forse ho trovato la ruota anteriore definitiva!

foto (52)

Gentile prestito di una ex pro torinese!

Annunci

Written by oltre360

1 febbraio 2013 a 18:16

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ma è enorme! Come ti trovi con quella pipa negativa? Io sto convertendo una vecchia bici da corsa e mi piacerebbe montare il manubrio e l’attacco Cinelli Pista, ma li vedo un po’ estremi per l’uso che ne dovrei fare.

    Salvatore

    9 febbraio 2013 at 09:10

    • Ciao Salvatore, la bici è “enorme” perchè io son 193 cm! La pipa negativa e la piega da pista sono bellissimi esteticamente e li puoi tranquillamente utilizzare se i km che percorri non sono poi molti. Per farti un’idea, in vista della MiTo, cambierò la piega e l’attacco con uno più stradale per avere una posizione meno piegata in avanti.

      oltre360

      10 febbraio 2013 at 07:58

      • Alla fine ho scento di prendere il manubrio Cinelli Pista ma con l’attacco Vai, non quindi con quello negativo.
        L’unica cosa è che ho una forcella filettata da 1″ e dovrò montare l’adattatore.

        Salvatore

        12 febbraio 2013 at 10:54

  2. ma davvero farai la mito con un 46/16? in verità è il mio rapporto preferito un pò agile ma non ti affatica mai…l’unico dubbio è che con pedivelle da 175 potresti spingere un rapporto leggermente più duro a parità di resistenza; anch’io sono indeciso se tenere il 46/16 con il quale ho fatto una roma-napoli senza problemi praticamente in solitaria o montare qualcosa di più duro per tenere eventuali allunghi senza andare fuori giri ma rischiare di fare più “acido”.
    p.s. veramente accattivante la tua gazzetta con le sue geometrie xl

    marco calì

    11 febbraio 2013 at 19:45

    • Visto che si tratta della mia prima fissa ho voluto montare un rapporto non troppo esagerato, considerando che normalmente in bdc giro molto molto agile, facendo intere uscite con il 39 (salvo ovviamente quando c’è da tirare): per farti un esempio, nelle due uscite verso il mare della scorsa settimana non ho mai messo il 53!

      Tanto il mio personale obiettivo sarà portarla a casa questa MiTo2013, provando questi 150 km con un unico rapporto (mai fatti)..

      oltre360

      11 febbraio 2013 at 19:54

      • Vedrai che l’agilita’ sara’ vincente…anch’io prediligo l’agilita’ e se non fosse per il fatto che ho una compact 50 34, userei solo il 39… Al contrario il segreto di tanti fortissimi 60enni e’ tenere la fuga di ruote veloci con il 53-12 o 11 lentissimi magari in piedi…fiato e cuore contro forza e gamba.
        Certo che un cronoman non userebbe il tuo rapporto con pedivelle da 175…armstrong, grande rullatore di gambe…a crono utilizzava pedivelle piu’ corte (170 piutt.che172,5) per chiudere prima la pedalta

        marco cali'

        13 febbraio 2013 at 03:19

  3. @Salvatore.

    Il Cinelli Vai mi sembra un’ottima soluzione. Io metterò su un Ritchey che ho da parte, ma se avessi dovuto prendere un attacco nuovo, su una bici Cinelli avrei montato Cinelli! Postaci una foto quando avrai terminato di assemblare la bici!

    @Marco

    Per le pedivelle, tieni conto che teoricamente quelle da 175 mm per me son pure piccole! Se trovassi una pedivella da 180 mm a un prezzo umano la proverei tranquillamente su una delle mie bdc.

    Comunque al di là di rapporti e pedivelle, quello che conta è il fondo, fiato e cuore! Tutto il resto sono chiacchiere.

    🙂

    oltre360

    13 febbraio 2013 at 08:56

    • chiaro, il problema non sono i primi 90, è la chiusura dei secondi 45/50 … sto allestendo definitivamente la mia fissa da telaio scott speedster in allu da corsa.. montando una 50/17.. ne duro ma abbastanza (troppo?) agile.. sarà una gara veloce, quindi ci sarà da tenere rota a 140/150 pedalate/min facendo tutto aerobicamente (no acido lattico… si co2), non scollarsi e risparmiare in agilità.. insomma la bici è da riassemblare ma il biglietto del treno per andare a fare la mi to 2013 l’ho gia preso 😉

      marco calì

      27 febbraio 2013 at 15:11

      • Grande!, io qualche dubbio ce l’ho. Vediamo, come sempre mi deciderò all’ultimo e comunque verrò per vivermi la cosa, dato che le gambe per tenere i 35/40 km/h a cui si viaggerà, al momento non ce l’ho!

        oltre360

        28 febbraio 2013 at 09:31

  4. Bellissima!!!

    anonimo

    18 febbraio 2013 at 08:01

  5. Ciao, da chi hai fatto montare la bici se posso chiedere?

    Antonello

    24 giugno 2013 at 07:34


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Ciclabili Tiburtina

progetti e azioni per una Tiburtina ciclabile

Kuro Task Force

Interficiens cancer de interrete

Revanche bicycles

Beautiful Italian, Simple English.

Riccardo Corbucci

Assessore alla scuola, al bilancio, alla trasparenza e alla partecipazione del III municipio di Roma

ilgrassosullemani

oggi c'è il sole, non cercare scuse

La vita oltre l'auto

Vivere felici e più ricchi senza possedere un'automobile

Prima o poi la smetto

Pedalando capisco cose e imparo a pedalare di più!

colnagobike

Colnago Unofficial Fan Blog

Urban Bike Messengers - il blog

Corrieri in bicicletta a Milano

Ciclabile Nomentana

Un progetto di mobilità sostenibile che vogliamo veder realizzato

storie in bicicletta

autonomiapedali

bicicletteintitanio

Il titanio è per sempre

pony0emissioni.wordpress.com/

Consegne a zero emissioni

Vada in bici, cazzo!

Automobilisti indisciplinati diverranno ciclisti indisciplinati

Mammifero Bipede

"Creature di carne e sangue, ossa curvate dal tempo... e sogni di felicità"

Bikeitalia.it

La passione è d'acciaio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: